Aziende sostenitrici


In evidenza

LUGLIO 2017 - REGIONE PUGLIA - DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE STRATEGIE E GOVERNO DELL’OFFERTA 24 luglio 2017, n. 177  concernente l’AGGIORNAMENTO dell’ELENCO REGIONALE DEFINITIVO delle imprese che intendono fornire dispositivi protesici su misura e/o predisposti ovvero, dei dispositivi di cui all’elenco n. 1 allegato al D.M. 332/99, con spesa a carico del SSR; nonché alcune PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE sui NUOVI LEA/PROTESICA.

 

MAGGIO 2017 -  REGIONE CAMPANIA -  D.G. 4 Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema Sanitario Regionale - Decreto Dirigenziale n. 6 del 24.04.2017 - Integrazioni e modifiche al decreto dirigenziale n. 1 del 31/01/2017 "Elenco regionale delle Aziende autorizzate alla fornitura di ausili e protesi con spesa a carico del SSN anno 2017 di cui alli'elenco 1 del DM 332/99 e smi"


APRILE 2017 - REGIONE FRIULI V.G. - Decreto n 547/SPS del 10.4.2017 - aggiornamento elenco regionale fornitori ortoprotesica


MARZO 2017 - REGIONE TOSCANA - Decreto n.2516 del 08-03-2017 Assistenza protesica. Individuazione dei soggetti fornitori di dispositivi protesici su misura con oneri a carico del SSR, ai sensi del DM 332/199. Integrazione dell'elenco di cui al DD 769/2016 in attuazione della DGR 253/2000.
Ufficio - Allegato 1 - Aggiornamento elenco fornitori


GENNAIO 2017 - REGIONE PUGLIA - DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE STRATEGIE E GOVERNO DELL’OFFERTA 26 gennaio 2017, n. 12 - Determinazione dirigenziale 28 dicembre 2016 n. 152 – “Aggiornamento, ai sensi del comma 15, dell’ELENCO REGIONALE DEFINITIVO delle imprese che intendono fornire dispositivi protesici su misura e/o predisposti ovvero, dei dispositivi di cui all’elenco n. 1 allegato al D.M. 332/99, con spesa a carico del SSR”. ESCLUSIONE DELLA DITTA NUOVA ORTOPEDIA SRL DI BISCEGLIE.


GENNAIO 2017 - REGIONE CAMPANIA - TUTELA DELLA SALUTE E COORDINAMENTO DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE
D.G. 4 Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema Sanitario Regionale - Decreto Dirigenziale n. 1 del 31.01.2017 - ELENCO REGIONALE DELLE AZIENDE AUTORIZZATE ALLA FORNITURA DI AUSILI E PROTESI CON SPESA A CARICO DEL S.S.N. ANNO 2017 DI CUI ALL'ELENCO 1 DEL D.M. 332/99 E S.M.I.


AGOSTO 2016 - REGIONE PUGLIA-. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA E ACCREDITAMENTO 9 agosto 2016, n. 8 .
L.R. n. 4 del 25.02.2010, art. 32 – Norme in materia di protesi, ortesi e ausili tecnici – AGGIORNAMENTO, ai sensi del comma 15, dell’ELENCO REGIONALE DEFINITIVO delle imprese che intendono fornire dispositivi protesici su misura e/o predisposti ovvero, dei dispositivi di cui all’elenco n. 1 allegato al D.M. 332/99, con spesa a carico del SSR.


MARZO 2016 - REGIONE TOSCANA -  DECRETO n. 769 del 29/02/2016 - Assistenza protesica. Fornitura di dispositivi protesici su misura con oneri a carico del SSR ai sensi del DM n. 332/1999 e successive modifiche ed integrazioni. Elenco dei fornitori che hanno accettato le modalità di erogazione delle prestazioni individuate con DGR 253/2000.

 


MARZO 2016 - REGIONE CAMPANIA - Dipartimento 52 della Salute e delle Risorse Naturali - D.G. 4 Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema Sanitario Regionale - Decreto Dirigenziale n. 4 del 03.03.2016 - Integrazioni e modifiche al Decreto Dirigenziale n. 2 del 27/1/2016 (BURC n. 6/2016) avente ad oggetto: "Elenco regionale delle aziende autorizzate alla fornitura di ausili e protesi con spesa a carico del SS anno 2016 di cui all'elenco 1 del D.M. 332/99 e s.m.i"  
(ALLEGATO)

 


FEBBRAIO 2016 - REGIONE CAMPANIA - Dipartimento 52 della Salute e delle Risorse Naturali - D.G. 4 Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema Sanitario Regionale - Decreto Dirigenziale n. 2 del 27.01.2016 - Elenco regionale delle aziende autorizzate alla fornitura di ausili e protesi con spesa a carico del S.S.N. anno 2016 di cui all'elenco 1 del D.M. 332/99 e s.m.i. 
(ALLEGATO Elenco regionale fornitori ausili e protesi anno 2016)

 


MARZO 2016 - REGIONE VENETO - DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SETTORE FARMACEUTICO - PROTESICA - DISPOSITIVI MEDICI N. 7 DEL 01 MARZO 2016
Aggiornamento del Registro Regionale degli erogatori dei dispositivi protesici (Elenco 1 - D.M. 332/1999)

 


18.2.2016 - REGIONE PUGLIA - AGGIORNAMENTO ELENCO EROGATORI ASSISTENZA PROTESICA - DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA ED ACCREDITAMENTO 10 febbraio 2016, n. 26 - L.R. n. 4 del 25.02.2010, art. 32 – Norme in materia di protesi, ortesi e ausili tecnici – AGGIORNAMENTO, ai sensi del comma 15, dell’ELENCO REGIONALE DEFINITIVO delle imprese che intendono fornire dispositivi protesici su misura e/o predisposti ovvero, dei dispositivi di cui all’elenco n. 1 allegato al D.M. 332/99, con spesa a carico del SSR.


27.1.2016 - REGIONE PUGLIA - DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 dicembre 2015, n. 2480  - Deliberazione della Giunta Regionale n. 425 dell’11/3/2015. Sostituzione ed integrazione dei Componenti del Tavolo Tecnico sull’Assistenza Protesica - Istituzione dell’Elenco prescrittori di dispositivi protesici di cui al DM 332/99.


29.1.2016 - REGIONE CAMPANIA -  D.G. 4 Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema Sanitario Regionale - Decreto Dirigenziale n. 2 del 27.01.2016 - Elenco regionale delle aziende autorizzate alla fornitura di ausili e protesi con spesa a carico del S.S.N. anno 2016 di cui all'elenco 1 del D.M. 332/99 e s.m.i. (ALLEGATO : ELENCO AZIENDE ACCREDITATE)


7.1.2016 - NUOVA ASL ROMA 1 - AVVISO Dal 1° gennaio 2016 la ASL Roma A e la ASL Roma E si fondono in un nuovo soggetto giuridico pubblico, la ASL Roma 1.


7.1.2016 - NUOVA ASL ROMA 2 - AVVISO - E' stata istituita a partire dal 1° gennaio 2016 la ASL Roma 2 e la contemporanea soppressione della ASL Roma B e ASL Roma C.


11.11.2015 - FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO  - DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI  29 settembre 2015, n. 178 - Regolamento in materia di fascicolo sanitario elettronico. (15G00192)  (GU Serie Generale n.263 del 11-11-2015):  ... 1. I contenuti del FSE sono rappresentati da un  nucleo  minimo  di dati e  documenti,  nonche'  da  dati  e  documenti  integrativi  che permettono di arricchire il Fascicolo stesso.
  2. Il nucleo minimo,  di  cui  al  comma  1,  uguale  per  tutti  i fascicoli istituiti da regioni e province autonome, e' costituito dai seguenti dati e documenti:    ( ...omissis...)
  3. I dati  e  documenti  integrativi,  di  cui  al  comma  1,  sono ulteriori componenti del FSE, la cui alimentazione e' funzione  delle scelte regionali in materia di politica sanitaria e  del  livello  di maturazione del processo di digitalizzazione quali:  ...   u) prestazioni di assistenza protesica; (omissis)


REGIONE LAZIO - DCA U00384/2015 “Criteri, requisiti e procedure per la costituzione dell’Elenco Regionale di fornitori di protesi, ortesi e ausili di cui agli elenchi 1 e 2 del DM 332/99 (dispositivi su misura e/o predisposti, di serie) e linee guida per l’uniformità delle attività di verifica da parte delle AA.SS.LL. nonché per il monitoraggio delle attività delle imprese inserite nell’elenco.


REGIONE PUGLIA - DETERMINA  DIR SERV PROGR 20 luglio 2015, n.207  - AGGIORNAMENTO ELENCO EROGATORI ASS. PROTESICA - L.R. n. 4 del 25.02.2010, art. 32 - Norme in materia di protesi, ortesi e ausili tecnici - Aggiornamento, ai sensi del comma 15, dell’ Elenco Regionale definitivo delle imprese che intendono fornire dispositivi protesici su misura e/o predisposti ovvero dei dispositivi di cui all’Elenco n. 1 allegato al D.M. 332/99, con spesa a carico del SSR.

 REGIONE CAMPANIA - BUR 33 del 25/05/2015 - Decreto Dirigenziale n. 13 del 20.05.2015 - Integrazione e modifiche al Decreto Dirigenziale n. 1 del 4 febbraio 2015 e s.m.i. Elenco regionale delle aziende autorizzate alla fornitura di ausili e protesi con spesa a carico del SSN anno 2015 di cui all'elenco 1 del D.M.S. 332/99.


REGIONE CAMPANIA - BUR 25 del 20/04/2015 -  D.G. 4 Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema Sanitario Regionale - Decreto Dirigenziale n. 3 del 15.04.2015 - Integrazioni e modifiche al Decreto Dirigenziale n. 1 del 4/2/2015 avente ad oggetto Elenco regionale delle aziende autorizzate alla fornitura di ausili e protesi con spesa a carico del SSN anno 2015 di cui all'elenco 1 del D.M.S. 332/99

REGIONE MARCHE - Determina del Direttore Generale Asur 269 del 13/04/2015  Indicazioni e percorsi per la prescrizione di ortesi, protesi e ausili tecnologici. Approvazione.

REGIONE PUGLIA - DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 marzo 2015, n. 425  - Istituzione del Tavolo tecnico sull’Assistenza Protesica.

REGIONE PUGLIA - 5/3/2015 - DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA E ACCREDITAMENTO 25 febbraio 2015, n. 44  Aggiornamento, ai sensi del comma 15, dell’elenco regionale definitivo delle imprese che intendono fornire dispositivi protesici su misura e/o predisposti ovvero, dei dispositivi di cui all’elenco n. 1 allegato al D.M. 332/99, con spesa a carico del SSR” - Integrazione.

REGIONE TOSCANA -  S.O. N. 10 AL BUR 10.3.15 - DECRETO 25 febbraio 2015, n. 693 Assistenza protesica. Fornitura di dispositivi protesici su misura con oneri a carico del SSR ai sensi del DM n. 332/1999 e successive modifi che ed integrazioni. Elenco dei fornitori che hanno accettato le modalità di  erogazione delle prestazioni individuate con DGR 253/2000.

22/1/2015 - REGIONE PUGLIA - Pubblicata sul BUR Puglia n. 10 del 22/1/15 la DET. DIR. PROGRAMM. ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA E ACCREDITAMENTO 19 gennaio 2015, n. 10 - Aggiornamento, ai sensi del comma 15, dell’elenco regionale definitivo delle imprese che intendono fornire dispositivi protesici su misura e/o predisposti ovvero, dei dispositivi di cui all’elenco n. 1 allegato al D.M. 332/99, con spesa a carico del SSR.

30/12/2014 - REGIONE LAZIO - DETERMINA 18266 / 2014 - PRONTUARIO REGIONALE AUSILI MONOUSO ASS. PROTESICA (ausili per stomie e cateteri) di cui al DCA 189/14. AGGIORNAMENTO

23/12/2014 - PUBBLICATA LEGGE DI STABILITA' 2015 - LEGGE 23 dicembre 2014, n. 190  Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilita' 2015). (14G00203) (GU n. 300 del 29-12-2014 - Suppl. Ordinario n. 99)

 31/7/2014 - REGIONE PUGLIA - Pubblicata sul BUR Puglia N. 104 del 31.7.2014 la DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA 22 luglio 2014, n. 92  - Aggiornamento, ai sensi del comma 15, dell’Elenco Regionale Definivo delle Imprese che intendono fornire dispositivi protesici su misura e/o predisposti ovvero, dei dispositivi di cui all’elenco n.1 allegato al D.M. 332/99, con spesa a carico del SSR.  (Bol. n. 104 del 31-07-2014 )

24/06/2014  - REGIONE BASILICATA - DELIBERA GIUNTA N. 755 /2014
Delibera D.G.R. N.1249/08 E N.1803/12 - APPROVAZIONE ELENCO REGIONALE AGGIORNATO DELLE PROTESI E DEGLI AUSILI EROGABILI AI CITTADINI RESIDENTI IN BASILICATA.

24/6/2014 - Decreto Irpef: Il decreto Irpef (DL 66/14) è la legge 23 giugno 2014, n. 89, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 143 del 23 giugno 2014 ed entra in vigore da oggi, 24 giugno 2014.  Novità in tema di acquisti beni e servizi SSN.
(SINTESI CAPITOLI CHE INTERESSANO LA SANITA' - ARTICOLO SOLE 24 ORE)

25/6/2014 - REGIONE LIGURIA - sul BUR LIGURIA n. 26  del 25.6.2104 è stata pubblicata  la DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30.05.2014 N. 642 concernente “Linee di indirizzo regionali sui percorsi organizzativi nell'assistenza protesica, ortesica e fornitura di ausili tecnologici”

12/6/2014 - REGIONE LAZIO - Decreto del Commissario ad Acta (delibera del Consiglio dei Ministri del 21 marzo 2013) n. U00189 del 30 maggio 2014 - Ratifica del nuovo protocollo d'Intesa tra Regione Lazio, Assortopedia, Federfarma, Federlazio, Federsan-Confcommercio e Fioto - Tariffazione degli ausili ortopedici di cui all'elenco 2 del D.M. 27 agosto 1999, n. 332.

22/4/2014 - REGIONE CAMPANIA -  Decreto Dirigenziale n. 3 del 04.04.2014 - Integrazioni e modifiche al Decreto Dirigenziale n. 150/2014 - Elenco delle aziende fornitrici di ausili e protesi di cui al D.M. 332/99 - ANNO 2014  

20/02/2014 - REGIONE TOSCANA - AGGIORNAMENTO ELENCO EROGATORI PRESTAZIONI PROTESICHE - DECRETO n. 563 del 20/02/2014 - Assistenza protesica. Fornitura di dispositivi pro­tesici su misura con oneri a carico del SSR ai sensi del DM n. 332/1999 e successive modifiche e integrazioni. Elenco dei fornitori che hanno accettato le modalità di erogazione delle prestazioni individuate con DGR 253/2000.

 17.2.2014 - REGIONE CAMPANIA - Pubblicata sul BUR Campania n. 12 del 17/02/2014  il Decreto Dirigenziale n. 150/2014 - Elenco regionale delle aziende autorizzate alla fornitura di ausili e protesi con spesa a carico del S.S.N. anno 2014 di cui all'elenco 1 del D.M.S. 332/99
Elenco aziende

13.2.2014 - REGIONE PUGLIA - Pubblicata sul BUR Puglia n. 20 la DET. DEL DIR.  SERVIZIO PROGR. ASS. OSP. 4 febbraio 2014, n. 10 - Aggiornamento Elenco Regionale Definivo delle Imprese che intendono fornire dispositivi protesici su misura e/o predisposti ovvero, dei dispositivi di cui all’elenco n.1 allegato al D.M. 332/99, con spesa a carico del SSR.
Il provvedimento è pubblicato da pag. 5763 a pag. 5868 del Bollettino.

9.1.2014 - REGIONE LAZIO - PUBBLICATO IL NUOVO ACCORDO PAGAMENTI 2014/2015 FORNITORI BENI E SERVIZI DEL SSR - 2014/2015 DI CUI AL Decreto n. U00501 del 23 dicembre 2013.

 28/12/2013 - DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 4 ottobre 2013  Adozione del programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l'integrazione delle persone con disabilita'. (GU Serie Generale n.303 del 28-12-2013)
(Estratto norme assistenza protesica - ausili disabili)

 27/12/2013 - LEGGE DI STABILITA' 2014 - LEGGE 27 dicembre 2013, n. 147  Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilita' 2014). (GU Serie Generale n.302 del 27-12-2013 - Suppl. Ordinario n. 87)
(Estratto norme che riguardano la sanità)

24/7/2013 -  REGIONE UMBRIA - REQUISITI MINIMI ACCREDITAMENTO SOGGETTI EROGATORI PRESTAZIONI ASS. PROTESICA - DGR 630 del 19/6/2013 pubblicata sul BUR 33 del 24.7.13 (da pag. 14 a 28)


 14/06/2013 - ORDINI E ALBI PROFESSIONI SANITARIE - Approda in Senato il DDL 818 Silvestro/Bianco sulla istituzione degli ordini per tutte le professioni sanitarie.
(leggi articolo Sole 24 Ore)


 04/06/2013 - Codice comportamento dipendenti pubblici: il regolamento in Gazzetta
D.P.R. 16.04.2013 n° 62 ( G.U. 04.06.2013)


16/11/2012 - NUOVA DIRETTIVA PAGAMENTI - Pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto legislativo n. 192 del 9 novembre 2012, che modifica il decreto legislativo 231/2002, per l'integrale recepimento della direttiva Ue relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali. Le nuove regole si applicano alle transazioni commerciali concluse a decorrere dal 1° gennaio 2013.
(Controlli periodici estesi anche ai tempi di pagamento - visualizza articolo Sole 24 Ore)

 


 

 

NEWS ASSISTENZA PROTESICA - LA REGIONE UMBRIA DISPONE UN TAGLIO DEL 20% SU AGGIUNTIVI E ACCESSORI DI AUSILI E PROTESI

NEWS ASSISTENZA PROTESICA - LA REGIONE UMBRIA DISPONE UN TAGLIO DEL 20% SU AGGIUNTIVI E ACCESSORI DI AUSILI E PROTESI

Regione Umbria. Taglio del 20% sul rimborso di componenti aggiuntivi e accessori di ausili e protesi
a cura di Pierangelo Cenci


Un taglio che ricade tutto sulle persone con disabilità e sulla loro salute è quello che la Regione Umbria ha deliberato con due atti di marzo e aprile scorso: un abbattimento del 20% del rimborso del costo degli aggiuntivi e degli accessori relativi a protesi, ortesi ed ausili per le persone con disabilità, previsti dal Nomenclatore Tariffario allegato al Decreto Ministeriale n. 332 del 27 agosto 1999.

Come è noto, gli ausili, le protesi e le ortesi per le persone con disabilità elencate nel
Nomenclatore Tariffario delle Protesi e degli Ausili di cui al Decreto Ministeriale n. 332 del 27 agosto 1999 [link a sito esterno] prevedono una copertura economica da parte delle Aziende Sanitarie Locali che dovrebbe permettere alla persona una fornitura gratuita (così come previsto dalla legge).

Come è altrettanto noto, però, a causa del mancato aggiornamento del Nomenclatore Tariffario (vicenda di cui abbiamo detto anche in questo articolo), il contributo che le Aziende Sanitarie Locali erogano è spesso insufficiente per coprire totalmente il costo degli ausili tecnologicamente più moderni ed efficaci.

Il sistema dei rimborsi economici funziona sulla base dei codici che sono presenti nel Nomenclatore Tariffario: ad ogni ausilio, protesi e ortesi corrisponde uno o più codici, e ad ogni codice corrisponde un prezzo. La prescrizione prevede l'elenco del codice (o di più codici) che corrisponde all'ausilio, alla protesi e all'ortesi richiesti da una persona con disabilità.

Sulla base delle indicazioni economiche presenti nel Nomenclatore stesso, le Aziende Sanitarie Locali coprono il costo di ausili, protesi o ortesi, ossia coprono il costo dei codici di cui essi si compongono. Laddove questi presentino componenti (e relativi codici) che non sono compresi nel Nomenclatore, il costo di ciascun componente non presente nel Nomenclatore è a carico della persona.

La Regione Umbria, con la Delibera di Giunta Regionale n. 332 del 23 marzo 2015 e il successivo Decreto integrativo n. 527 del 20 aprile 2015, ha deliberato un abbattimento del 20% del costo di rimborso dei codici del Nomenclatore Tariffario che sono relativi alle parti aggiuntive e accessorie degli ausili, protesi e ortesi dell'elenco 1, dell'allegato 1, del Nomenclatore stesso (parte che comprende tutti gli ausili che vengono costruiti su misura).

In altre parole, l'elenco 1 del Nomenclatore presenta dei codici e la Regione ha deliberato di rimborsare tali codici solo dell'80%.

È bene, da subito, fare due precisazioni: la prima è tecnica e riguarda le parti aggiuntive degli ausili, protesi e ortesi; la seconda riguarda la scelta dell'abbattimento del 20%.

In merito alle parti «aggiuntive» e «accessorie», è bene precisare che i due termini non devono trarre in inganno circa la loro minor rilevanza rispetto alla restante parte dell'ausilio, della protesi e dell'ortesi. Soprattutto gli aggiuntivi, infatti, sono assai spesso parti determinanti per garantire quei livelli di usabilità e sicurezza, nonché permettono l'ampliamento delle performance delle persone con disabilità, nonché del loro ben-essere.

Circa l'abbattimento del 20% del loro rimborso, è bene precisare che il Decreto Ministeriale n. 332/1999, all'articolo 8, comma 1, prevede che «in sede di prima applicazione del presente regolamento, le regioni fissano il livello massimo delle tariffe da corrispondere nel proprio territorio ai soggetti erogatori, entro un intervallo di variazione compreso tra il valore delle tariffe indicate dall'elenco 1 del nomenclatore allegato nel presente regolamento ed una riduzione di tale valore non superiore al venti per cento»».

In altre parole, il 20% è il valore massimo cui può giungere la riduzione delle tariffe che le Regioni devono corrispondere agli erogatori (ossia le officine ortopediche), per gli ausili, le protesi e le ortesi dell'elenco 1; la Regione Umbria, tuttavia, in sede di prima applicazione - ossia con la Delibera di Giunta Regionale n. 927 del 2 agosto 2000 -, aveva già accettato di corrispondere il 100% delle tariffe del Nomenclatore Tariffario agli erogatori dei dispositivi. Inoltre, l'articolo 9, comma 1, del sopracitato Decreto Ministeriale n. 332/1999 stabilisce che le Regioni «[…] sentite le organizzazioni dei fornitori di assistenza protesica, contrattano con i fornitori di cui all'elenco 1 del nomenclatore operanti sul proprio territorio le modalità e le condizioni delle forniture»; accordo che non c'è mai stato!

La considerazione che facciamo, prima di tutto, è di ordine politico, e riguarda il peso che ha sulla vita delle persone prima ancora che sulle casse, la scelta - forse motivata da recenti scandali nel campo dell'assistenza protesica (cui hanno dato spazio alcuni mezzi di informazione e per i quali è stata anche chiesta un'interrogazione consiliare) - di ridurre della percentuale massima consentita dalla legge del rimborso per questi codici per tacitare le possibili polemiche (scomode in vista delle elezioni regionali?!)


Chi ne paga le spese?

La scelta della Regione Umbria - a seguito di quanto evidenziato sopra - sembrerebbe quindi illegittima e non conforme alla normativa vigente. Oltre che poco tempestiva, risulta, inoltre, anche penalizzante nei confronti dei cittadini con disabilità, i quali, sempre più impoveriti dalle conseguenze dei continui tagli al sistema di welfare, si trovano costretti a pagare di tasca propria la differenza dovuta (il 20%) o, nella peggiore dell'ipotesi, a dover ripiegare su soluzioni che rischiano di compromettere i livelli di salute, a fronte di un presunto risparmio da parte della Regione.

Questo 20% a carico della persona con disabilità, quindi, si va ad aggiungere all'eventuale costo, sempre a suo carico, di eventuali componenti dell'ausilio, della protesi o dell'ortesi non ricomprese nel Nomenclatore Tariffario. Questa eventualità, a causa - come già detto - dal suo mancato aggiornamento, è sempre più frequente per tutti coloro che necessitano di ausili di qualità.

La scelta regionale, quindi, non può che configurarsi come un aggravio di oneri a carico della persona che sceglie di impegnare risorse proprie (laddove disponibili) per incrementare il proprio livello di benessere e di performance.

In altre parole, con questa scelta, la Regione - in ragione di un presunto risparmio - penalizza, di fatto, le persone con disabilità, che dovranno pagare, in termini di risorse economiche e di salute. È una scelta fatta pensando all'efficienza di un servizio e non all'appropriatezza di un sistema, il quale ancora opera in maniera frammentata; questa politica, tuttavia, dimentica che risparmiare oggi su, a titolo di esempio, un sistema posturale significa dover spendere assai più domani per assistere e curare la salute compromessa di una persona che ha assunto una postura errata magari perché non ha potuto scegliere un adeguato sistema posturale proprio a causa di crescenti oneri a suo carico.


Le reazioni delle associazioni e dei tecnici ortopedici

A questo proposito, la FISH Umbria ONLUS (Federazione italiana per il Superamento dell'Handicap) da anni denuncia la mancanza di un approccio globale del welfare regionale, che sembra più preoccupato al sistema di erogazione delle prestazioni e del loro costo che non all'impatto sulla condizione delle persone con disabilità, non solo relativamente alla dimensione della salute, ma rispetto a tutti i loro diritti umani fondamentali.

Se la FISH Umbria ONLUS opera nel rappresentare i diritti delle persone con disabilità (titolari di diritti), la scelta regionale, però, trova il disappunto anche da parte di coloro che sono portatori di interesse come le associazioni aderenti alla FIOTO (Federazione Italiana fra gli Operatori della Tecnica Ortopedica) che, dal loro punto di vista, denunciano, addirittura con un ricorso al TAR dell'Umbria (Tribunale Amministrativo Regionale), la scarsa appropriatezza della scelta. A questo proposito, infatti, la FIOTO Umbria afferma:

«Una vera e propria clausola vessatoria che avrà come diretta ricaduta una sperequazione nel trattamento assistenziale protesico per il disabile umbro diventato di serie B rispetto agli assistiti di tutte le altre regioni; costretto, all'indomani dall'entrata in vigore della nuova norma, a fruire di un dispositivo di qualità inferiore, meno efficiente dal punto di vista prestazionale, oppure ad integrare la tariffa pubblica di tasca propria per continuare a ricevere una prestazione efficace».

Secondo la ricostruzione che la FIOTO Umbria stessa ha compiuto rispetto alla genesi di questo provvedimento, tutto sarebbe iniziato «dopo la messa in onda del servizio de Le Iene nel mese di ottobre 2014, il quale accusava una azienda ortopedica umbra di applicare prezzi raddoppiati per uno stesso tipo di plantare,  laddove lo stesso fosse destinato ad un assistito del SSR [Servizio Sanitario Regionale, N.d.R.]. La Regione, che per legge è tenuta a vigilare sulla corretta applicazione della normativa in materia di assistenza protesica, al di là dell'effetto mediatico, avrebbe dovuto verificare immediatamente i fatti (magari avvalendosi anche della collaborazione di Tecnici Ortopedici esperti) ed accertare in primis la natura dei dispositivi incriminati; scoprendo, magari, che la diversità di prezzo poteva risiedere nel fatto che i plantari mostrati non fossero entrambi ortesi su misura così come mostrato nel servizio andato in onda!».

La FIOTO Umbria, inoltre, prosegue affermando che la Regione Umbria «abbagliata dall'episodio televisivo e sollecitata da una mozione del consiglio regionale, alla fine del 2014, ha avviato un tavolo regionale con tutte le delegazioni regionali delle Organizzazioni di categoria dei Tecnici Ortopedici, Audioprotesisti ed Ottici, per addivenire alla riduzione tariffaria auspicata. La FIOTO Umbria […] si è da subito formalmente opposta ai lavori di quel tavolo regionale, ricordando come la regione Umbria avesse già ottemperato nel 2000 all'individuazione del livello tariffario delle prestazioni di assistenza protesica e ad un successivo aggiornamento del +9% deliberato nel 2004 […]».

È evidente che la Regione Umbria abbia cercato di rispondere ad eventuali attacchi convocando i portatori di interessi, ma non i titolari di diritti. Dal momento che, seppur da fronti diversi, l'obiettivo è il medesimo, la FIOTO Umbria e la FISH Umbria ONLUS stanno valutando l'opportunità di unire le proprie istanze, in un documento formalmente condiviso, da presentare alle Istituzioni regionali affinché venga formalizzato un impegno a confrontarsi con le diverse parti in causa in occasione di scelte di ordine politico e tecnico riguardanti il tema dell'assistenza protesica e, quindi, il diritto alla salute delle persone con disabilità.

Non è un caso che la FISH Umbria ONLUS auspichi il coinvolgimento attivo della FIOTO Umbria all'interno dell'Osservatorio regionale sulla condizione delle persone con disabilità, poiché esso rappresenta il contesto ideale, formalmente riconosciuto dalla Regione stessa, per monitorare la condizione delle persone con disabilità, verificare e valutare in tal senso l'appropriatezza delle politiche e degli interventi messi in campo.


Data: 15/05/2015
Sezione: Focus » Archivio per argomento » Servizi e politiche sanitarie
L'indirizzo di questa scheda è:
http://www.cpaonline.it/web/focus/scheda.php?n_id=206